facebook-ftwitterinstagramtelegram-planepinterest-p

Bellagio: la perla del Lago di Como da vedere in primavera

La mattina del 1 gennaio dopo aver lasciato la splendida casa di Cristina che ci ha ospitato a Como per il Capodanno abbiamo pensato di allungare un po’ il rientro e spingerci un po’ più su: tante le opzioni che avevo in mente tra cui Varenna e Menaggio ma complici le numerose recensioni e gli amici che ci hanno detto assolutamente di andare qui abbiamo guidato per circa 45 minuti da Como raggiungendo Bellagio.

La strada non è così tortuosa come dicono e anche io che sono poco avvezza alle curve non mi sono mai sentita in pericolo o nervosa alla guida, una splendida strada panoramica da guidare con piacere soprattutto durante le giornate di sole. Arrivati non è stato difficile trovare parcheggio proprio sul lungolago ma forse la fortuna è stata la data e non saprei dirvi come sia la situazione in un sabato di aprile.

bellagio in un giorno cosa vedere

Bellagio viene chiamato “La Perla del Lago di Como” e forse si riferiscono al fatto che brilli nonostante sia davvero piccino… ecco, forse sono arrivata con troppe aspettative ma secondo me questo paesino è stato un po’ caricato rispetto a ciò che realmente è.

Il vecchio borgo merita senza dubbio una passeggiata tra le strade strette e le numerose scalinate accompagnate spesso da botteghe di pittori che rendono tutto ancora più scenografico, in primavera credo sia il top con gli alberi fioriti e i balconi adornati ma in inverno mi ha un po’ delusa. (colpa mia, ho sbagliato stagione)

Altre tappe da tenere in considerazione una volta arrivati qui sono Villa Melzi visitabile da marzo ad ottobre e che io a gennaio giustamente ho trovato chiusa e Villa Serbelloni che permette visite ad uno splendido parco. bellagio cosa vedere

Conclusione: Bellagio è carina, abbastanza per scattare qualche foto ma sicuramente un’ottima trappola per turisti considerando i prezzi dei ristoranti e dei locali. Il mio consiglio? Fateci un giretto di passaggio e poi proseguite verso una prossima meta. Non mi ci soffermerei così tanto come suggeriscono, soprattutto in bassa stagione.

Comunque giuro che torno in primavera a dare una seconda possibilità a quella che viene chiamata La Perla del Lago di Como che a quanto pare solo a me non è piaciuta.

Di
Tags: