facebook-ftwitterinstagramtelegram-planepinterest-p

Zavattarello, storia di uno dei Borghi più belli d’Italia

Ci sono giornate che non hanno ancora il profumo della primavera, sono quelle che si aprono alla luce dopo il periodo natalizio, a cavallo tra Carnevale e Pasqua. Questi giorni sono speciali per il desiderio di uscire di casa e alzare il viso al cielo e al calore del sole, così si esce di casa si sale in auto e, almeno per me, vale il pensiero di guidare lasciandosi portare dall’istinto e dal panorama. Così sabato pomeriggio ho guidato per un’ora tra le strade che  dalla pianura pavese  alle colline pavesi mi hanno portata a Zavattarello, uno dei borghi più belli d’Italia. Ed è così che mi sono trovata invaghita di questo paese, un distillato di storia antica e rivincita moderna. Le case si sfidano in una gara di bellezza tra antico e attuale e il castello Dal Verme osserva sornione in silenzio dalla collina. L’aria è leggera e frizzante e il cielo terso con il sole a riscaldare il panorama mi ha fatto pensare seriamente a trasferirmi qui. Il senso di ‘’tempo lento’’ è così presente che perfino i gatti si lasciano fotografare mentre fanno le fusa stesi a raccogliere il calore di questa giornata.zavattarello gite fuori porta veduta castello dal verme

Gita fuori porta Museo storico Alfa Romeo

Shopping o auto d’epoca? Entrambi! In queste  giornate di temperature in picchiata viene voglia di fare il cambio dell’armadio: via l’abbigliamento estivo, fuori quello un po’ più coprente, ogni anno è così anche per voi? Al cambio dell’armadio mi trovo a ripetere un mantra che Marito odia ‘’non ho niente da mettere!’’. Oggi complice  una giornata di quelle tranquille ho chiesto a Marito di accompagnarmi ad Arese a visitare Il Centro, da quando è stato aperto in realtà ci torno abbastanza spesso e una tappa fissa è sempre Primark. Ma volevo fare un giro anche negli altri negozi (sono talmente tanti e tutti diversi che in ognuno potenzialmente potrei davvero spendere un piccolo capitale), così ho pensato ‘’povero Marito, perché obbligarlo a starmi dietro in questo tour che per lui è quasi infernale?’’ ,  pensa e ripensa e ho trovato un’idea: il Museo storico Alfa Romeo!Museo storico Alfa Romeo

Gite fuori porta: Villa Borromeo Visconti Litta

Quando ho preso l’auto e sono uscita, destinazione sconosciuta, ancora non sapevo dove mi sarei fermata e cosa avrei scoperto. Dirigendomi verso Milano pensavo solo a godermi un pomeriggio di pensieri leggeri tra arte e storia, magari con un po’ di intrattenimento, ma non ero pronta a quello che avrei trovato alla volta di Villa Litta. Il nome per intero è Villa Borromeo Visconti Litta e si trova a Lainate, ci si arriva in un’ora da Pavia poco meno da Milano. In auto prendete l’autostrada A8 Milano-laghi  uscite al casello di Lainate e seguite le indicazioni turistiche ‘’Villa Borromeo Visconti Litta’’.Villa Borromeo Visconti Litta Lainate

Gita fuori porta: Eremo di Santa Caterina del Sasso sul lago Maggiore

Un pomeriggio unico quello che ho scelto per visitare l’Eremo di Santa Caterina del Sasso.  Partita da Pavia mi sono diretta in auto a Leggiuno in provincia di Varese, dove ho parcheggiato gratuitamente l’auto e ho scelto la discesa in ascensore non sapendo cosa mi sarei persa.  A Leggiuno ci si arriva in poco più di un’oretta. L’Eremo si trova esattamente affacciato sulla sponda orientale del Lago Maggiore e come anticipato poche righe sopra, ci si arriva comodamente in auto.  Si può scegliere se arrivare in loco scendendo 268 gradini (sì, sono proprio 268) o prendendo l’ascensore pagando un euro a tratta. In alternativa si arriva molto comodamente e più turisticamente da Stresa con il battello che approda proprio sotto. Se scegliete questa opzione preparatevi alla vista dal basso dell’Eremo aggrappato alla roccia, è emozione pura.Eremo di Santa Caterina del Sasso