facebook-ftwitterinstagramtelegram-planepinterest-p

Gita fuori porta Museo storico Alfa Romeo

Shopping o auto d’epoca? Entrambi! In queste  giornate di temperature in picchiata viene voglia di fare il cambio dell’armadio: via l’abbigliamento estivo, fuori quello un po’ più coprente, ogni anno è così anche per voi? Al cambio dell’armadio mi trovo a ripetere un mantra che Marito odia ‘’non ho niente da mettere!’’. Oggi complice  una giornata di quelle tranquille ho chiesto a Marito di accompagnarmi ad Arese a visitare Il Centro, da quando è stato aperto in realtà ci torno abbastanza spesso e una tappa fissa è sempre Primark. Ma volevo fare un giro anche negli altri negozi (sono talmente tanti e tutti diversi che in ognuno potenzialmente potrei davvero spendere un piccolo capitale), così ho pensato ‘’povero Marito, perché obbligarlo a starmi dietro in questo tour che per lui è quasi infernale?’’ ,  pensa e ripensa e ho trovato un’idea: il Museo storico Alfa Romeo!Museo storico Alfa Romeo

Gite fuori porta: Villa Borromeo Visconti Litta

Quando ho preso l’auto e sono uscita, destinazione sconosciuta, ancora non sapevo dove mi sarei fermata e cosa avrei scoperto. Dirigendomi verso Milano pensavo solo a godermi un pomeriggio di pensieri leggeri tra arte e storia, magari con un po’ di intrattenimento, ma non ero pronta a quello che avrei trovato alla volta di Villa Litta. Il nome per intero è Villa Borromeo Visconti Litta e si trova a Lainate, ci si arriva in un’ora da Pavia poco meno da Milano. In auto prendete l’autostrada A8 Milano-laghi  uscite al casello di Lainate e seguite le indicazioni turistiche ‘’Villa Borromeo Visconti Litta’’.Villa Borromeo Visconti Litta Lainate

Gite fuori porta: Gravellona Lomellina paese dell’arte dipinta sui muri

Le gite fuori porta sono le mie preferite da sempre. Un’oretta di auto da Pavia, o Milano e ci si sposta dalla città scoprendo paesi ricchi di storia, arte e cultura. Mi stupisco sempre di queste realtà a volte piccole ma enormi dal punto di vista culturale. Anche per Gravellona Lomellina è stata una scoperta bella. Conosciuto in Lomellina con il giusto appellativo di ‘’paese d’arte’’ per i tanti affreschi e murales che spiccano sui muri decorando le case e tutte le cabine elettriche (sì, sono state trasformate in soldatini).Gravellona Lomellina arte dipinta sui muri

Gite fuori porta: Fortunago tra i borghi più belli d’Italia

Ha un nome che è tutto un programma Fortunago, l’origine è incerta non si sa bene se derivi da origini celtiche ‘’Fortunacus’’ o da origini latine ‘’sacellum Fortunae’’. Entrato di diritto nei ‘’borghi più belli d’Italia, è un piccolo borgo (conta circa 400 abitanti) e si staglia orgogliosamente fra le colline dell’Oltrepo Pavese, vi racconto la mia gita fuori porta a Fortunago  in provincia di Pavia, un piccolo comune che ha storia antica, conosciuto fin dal X secolo e che ha visto feudatari dai nomi illustri: Giorgi, Dal Verme, Riario e Botta nel XV secolo. Successivamente i Botta acquisiranno altri feudi tra cui Monte Picco, Rocca Susella e Stefanago insieme a Staghiglione così Fortunago  diventa marchesato e nel 1546 viene acquistato dai Malaspina di Oramala infine comune lombardo autonomo. Forse non lo sapete ma Fortunago è stato scelto come location per il film ‘’il capitale umano’’ di Paolo Virzì.Fortunago borghi più belli d italia

Gite fuori porta: Eremo di Sant’Alberto di Butrio

Ci sono luoghi che non conosciamo anche se sono a pochi km da casa. Luoghi che andrebbero scoperti e condivisi per la loro rara bellezza e spiritualità. Abito molto vicina all’Oltrepò Pavese e intorno a me ci sono paesi che sono uno spettacolo per il cuore oltre che per gli occhi. Ve li racconto di tanto in tanto perché credo siano delle meraviglie con un passato storico incredibile. Come questo di cui vi racconto oggi, non vi svelerò tutto perché credo fermamente che ognuno debba scoprirlo personalmente con un percorso su misura.  Arrivare all’Eremo di Sant’Alberto di Butrio vuol dire immergersi in strade collinari, salite a volte ripide e sterrate, ne varrà la pena anche soltanto il tragitto fatto di colline e vallate, boschi e pianure, panorami che in questi giorni soprattutto si sono arricchiti di tonalità calde e intense da mozzare il fiato.Eremo di Sant’Alberto di Butrio